centro di formazione sulla relazione e le dinamiche relazionali tra l'umano e gli altri animali

A gennaio e febbraio partono in Nord-Italia di nuovo i percorsi Learning Dog e Learning Horse. Percorsi di studio che preparano verso una conoscenza che permette un reale cambiamento nella coesistenza tra animali umani e gli altri animali.

Tutti i dettagli trovi su: http://animalinapprendimento.com/about/

Nel mondo delle interazioni con gli animali che convivono strettamente con noi, siamo portati ad avere una visione distorta dell’apprendimento tramandataci da una cultura di orientamento antropocentrico, per la quale apprendere aveva soprattutto valenza nel creare un automa rispondente perfettamente ai nostri bisogni, utilizzi, piaceri e voglie di prestazione.

Anche negli approcci sedicenti moderni e alternativi, questo intendere antropocentrico dell’interazione con gli altri animali, continua ad esistere, sia in forma evidente che mascherata. Si tende infatti ad inseguire ed imitare il convenzionale, non solo nelle metodiche ma soprattutto nel modo di pensare, in una via di pensiero in cui l’animale va adeguato a noi animali umani e al nostro stile di vita, non il contrario. Ed ecco che, al servizio di questo humus culturale antropocentrico e antropomorfico, si eseguono e si fanno ancora eseguire agli animali esercizi meccanicistici, robotizzati e robotizzanti, lineari all’ennesima potenza, che tendono ad impoverire il patrimonio cognitivo innato presente in ogni animale ed in noi stessi.

Ribaltare questo, passando da un pensiero antropourbanocentrico, per approdare verso una cultura di rinselvatichimento mentale degli animali domestici, anche per noi animali umani, questa la sfida di Learning Animals e di “Animali in Apprendimento”. Ed ecco che nascono nuove immagini di relazione, nuove esperienze d’apprendimento, nuove figure a supporto, nuove menti pronte all’incontro con il pensiero selvaggio cognitivo degli altri animali e di noi stessi. In questa dimensione l’apprendimento diventa veramente apprendimento, con gli altri animali e noi stessi fortemente proprietari del momento di crescita ed esperienza.

In questo senso l’etica, teorica e applicativa, accompagnata da valori ben chiari ed inequivoci, diventa fulcro possente, timone direzionante, vela ispirante. In un viaggio che non è per tutti, ma solo per quelli che lo scelgono con convinzione, motivazione, passione. Noi saremo qui per ispirare, guidare e formare chi avrà voglia di lasciarsi ispirare, di studiare, di mettersi in discussione, di cambiare, di acquisire strumenti, per un viaggio di ritorno a se stessi e verso un futuro già presente.

Dopo il successo del Dizionario Italiano/Cavallo, annunciamo la pubblicazione di un nuovo libro “The Cognitive Horse” in lingua inglese.

Qui il link per la spedizione dall’Olanda: The Cognitive Horse | The Book by Francesco De Giorgio and Jose Schoorl

Nasce anche un nuovo sito http://www.learning-animals.org

Un grande abbraccio ad ognuno di voi!

Il Percorso lungo di Learning Horse (Zooantropologia Equina Applicata) creato da Sparta in Italia, ora Learning Animals Istituto Internazionale per la Zooantropologia in Olanda e condotto da Francesco De Giorgio e José Schoorl, sta facendo storia nell’ambito delle conoscenze relative all’etologia cognitiva del cavallo ed alla sua relazione con l’umano, facendo anche riferimento all’asino, al cane, al gatto e ad altre specie animali. Questo percorso formativo si sta sviluppando notevolmente nell’edizione italiana, olandese e internazionale.

Un prezioso percorso formativo che riconduce a casa sia il cavallo che l’umano. Infatti, la quasi totalità delle classiche e moderne vie di interazione tra equino e umano portano spesso entrambi lontano da casa e da se stessi a causa di approcci performativi, condizionanti, meccanicistici ed antropocentrici.

Il Percorso guida verso la scoperta e riscoperta della vita emozionale e cognitiva dei cavalli; delle loro esigenze sociali e sul come preservarle, recuperarle e mantenerle; sul valore delle dinamiche affiliative di un branco e sul loro valore anche nella relazione con l’umano; sul come portare innovamento e rivoluzione pratica nelle varie attività con i cavalli; sul come modulare il proprio stato interno per favorire una migliore relazione con il cavallo; sul cosa significa social learning e sul come si applica nella formazione dei cavalli; sul come si affrontano problematiche di relazione tra cavallo e umano e tanto altro ancora.

Alla fine del percorso verrà rilasciato un attestato di praticità nella Relazione Equino-Umano, a garanzia del percorso completato e delle competenze sviluppate.

Il percorso Learning Horse (ZEA)  è un percorso adatto a menti aperte,  cuori coraggiosi e spiriti rivoluzionari.

Il sito di riferimento: www.learning-animals.org

___________________

SEMINARIO INTRODUTTIVO SUL PERCORSO LUNGO DI

ZOOANTROPOLOGIA EQUINA APPLICATA

Francesco De Giorgio e Topazio in Olanda

Il 16 dicembre 2012, dall 10.00 alle 13.00, verrà presentato il Percorso ZEA in un seminario durante il quale verranno esposte da Francesco De Giorgio e José Schoorl, tutte le caratteristiche del percorso. La zooantropologia rientra in un movimento culturale molto più ampio che fa riferimento ad ambiti scientifici e filosofici collegati all’etologia cognitiva, all’anti-specismo, al post-umanesimo, all’antrozoologia. Nello specifico la zooantropologia equina si prende cura della relazione con specie come il cavallo e l’asino. Possiamo assolutamente definirla una disciplina rivoluzionaria e rinfrescante nel mondo equestre, anche rispetto a quello più innovativo. Dal cavallo o dall’asino come oggetti performativi, la zooantropologia equina prende per mano e conduce a considerare questi animali come soggetti dialoganti del processo relazionale.Il percorso di Zooantropologia Equina Applicata (ZEA) si dipana in un labirinto arricchente, dove scopriamo sempre nuovi scenari e ci lasciamo sorprendere da una diversa lettura del comportamento equino, delle sue modalità d’apprendimento e delle dinamiche di relazione tra equino e umano.

Scegliere di seguire il percorso ZEA, non significa scegliere di aderire a un metodo, significa invece scegliere di acquisire un background scientifico, culturale, filosofico e di crescita personale, sul quale integrare la propria esperienza, il proprio percepito, il proprio valore.

Il percorso ZEA NON insegna a domare/condizionare i cavalli, a migliorare performance agonistiche/comportamentali con il cavallo o a creare momenti circensi con l’asino. Il percorso ZEA sviluppa maggiore conoscenza, consapevolezza ed esperienza nella relazione tra animale ed uomo, vista attraverso una cornice assolutamente nuova e molto pratica.

La tipologia di formazione, testata in decenni di esperienza da parte di Francesco De Giorgio e José Schoorl, viene svolta per i partecipanti con importanti momenti teorici-pratici-concettuali, seguendo i processi d’apprendimento collegati alll’Adult Experiential Learning di Kolb.

Il programma viene suddiviso in sei moduli, per una durata totale di 100 ore.

Ogni modulo si focalizza su un determinato argomento:
1 – Introduzione alla Zooantropologia | Gennaio 26 – 27, 2013
2 – Etologia di Base | Febbraio 23 – 24, 2013
3 – Apprendimento | Marzo 23 – 24, 2013
4 – Linguaggio e Relazione | Aprile 20 – 21, 2013
5 – Problematiche comportamentali e di relazione | Maggio 18 – 19, 2013
6 – Zooantropologia Applicata ed Equitazione Zooantropologica + Esame | Giugno 15 – 16, 2013

Informazioni più complete su www.learning-animals.org

Profili formatori Learning Horse:

Francesco De Giorgio é un noto etologo italiano, il cui principale campo di interesse ruota intorno alla sfera cognitva del cavallo e dell’asino. Francesco vive e lavora attualmente in Olanda, continuando a lavorare anche in Italia ed altri paesi europei.
Membro di importanti associazioni accademiche e scientifiche come Dutch Society for Behavioural Biology (NVG), Italian Society for Veterinary Physiology (SoFiVet) e International Society for Applied Ethology (ISAE) é Guest Lecturer presso diversi atenei in Italia e in Olanda. Il suo speciale campo di ricerca é l’apprendimento sociale nel cavallo. Francesco é uno scienziato ma anche un uomo di cavalli di grande pratica.

José Schoorl é trainer zooantropologico olandese, guida nella relazione tra cavallo e umano in Olanda, Italia e Inghilterra. José supporta le persone nel comprendere le dinamiche relazionali con principale attenzione al punto di vista del cavallo. Per José la comprensione della mente del cavallo, rappresenta il primo passo per sviluppare una vera conoscenza del cavallo e spingere su un cambiamento sempre più atteso nel considerare il cavallo dal punto di vista del cavallo stesso. Ulteriore e speciale competenza di José é la sfera della gestione del cambiamento.

Francescoe e José lavorano insieme ogni giorno per il loro centro di formazione e ricerca Learning Horse.

 
Potete trovare interessanti articoli in lingua inglese sul sito www.thecognitivehorse.com

Tag Cloud