centro di formazione sulla relazione e le dinamiche relazionali tra uomo e cavallo

Posts tagged ‘cognitività’

ETO-ZOOANTROPOLOGIA APPLICATA: IL SISTEMA BRANCO

Lavorare con un branco di cavalli in modalità eto-zooantropologicamente corretta, significa prima di tutto considerare quel gruppo di organismi, come un sistema complesso.

Infatti un branco non è solo un insieme di organismi, ma può essere considerato a tutti gli effetti un organismo unico in cui tutti gli elementi sono in stretta relazione, compreso l’uomo.

Possiamo immaginare tutti i cavalli in stretta comunicazione tra essi, con il contesto esterno, con l’uomo e con ogni altro elemento presente come un sistema di cellule nervose con le loro affascinanti e spettacolari sinapsi.

E così anche nel sistema branco, così come nel sistema neuronale, la comunicazione è molto stretta e costante.

Nelle immagini che seguono potete osservare una tipica attività quotidiana a Sparta.

Provate ad osservare queste immagini unendo tutti gli elementi come sinapsi. Tracciate una linea tra un cavallo e l’altro, tra me e Pioggia (la cavalla grigia), tra Pioggia e Sparta il suo puledro, tra le altre cavalle e me, tra Sparta il puledro e Taku il cane e così via. Cosa riuscite a cogliere? Quali sono i messaggi che vengono coinvolti all’interno della scena osservata e quali messaggi giungono a voi che la osservate?

Lavorare quotidianamente in queste modalità significa arricchire molto i piani dimensionali etologici e zooantropologici, così come cresce un contesto neuronale libero di svilupparsi attraverso le sue sinapsi.

Questo vale sia per il cavallo, sia per la persona e per ogni altro elemento.

Testo: Francesco De Giorgio | Foto: José Maria Schoorl

Advertisements

HABITAT COGNITIVI E CLIMI D’APPRENDIMENTO

Affinché un cavallo possa sviluppare realmente le sue capacità cognitive, tutto quello che lui già possiede intrinsecamente, necessita di veri e propri “habitat cognitivi”, cioè di contesti in cui ci sia un determinato  “clima d’apprendimento”.

Ma cosa significa questo e cosa rappresenta per un cavallo e per la sua relazione con l’uomo?

Habitat e climi possono essere i più diversi e possono incidere significativamente sullo sviluppo degli elementi che lo compongono.

In ambito naturalistico l’habitat può essere identificato come quella dimensione territoriale in cui determinate caratteristiche favoriscono lo sviluppo elettivo di una determinata specie.

Se pensiamo agli “habitat” in cui vivono attualmente una buona parte dei cavalli odierni (scuole di equitazione, maneggi, scuderie) e se osserviamo come in essi vivono e come si sviluppano, esibendo per la maggior parte notevoli squilibri emotivi e segnali di stress, allora possiamo parlare di “habitat emotivi”, cioè di contesti che tendono a sviluppare emotività nel cavallo.

Il clima d’apprendimento in questi habitat ,che sviluppano emotività più che cognitività, ha anch’esso determinate caratteristiche costituite oltre che dal luogo in se, anche dalle persone che in esso vivono e lavorano insieme ai cavalli: azioni richiestive, performative, meccanicistiche da parte dell’uomo portano il cavallo a perdere tutto quel patrimonio cognitivo che per questo animale è un fatto naturale.

Un “habitat cognitivo” con un determinato “clima d’apprendimento cognitivo” ha caratteristiche ben precise di cui alcune sono:

– Forte socialità, il cavallo non vive mai isolato dai suoi simili

– Libertà d’espressione e scelta, proprio per dare spazio all’apprendimento cognitivo

– Persone che acquisiscono capacità di lettura dello stato emotivo del cavallo, consapevolezza del loro stato d’animo e delle loro azioni, approccio non-performativo all’interazione con il cavallo

Un habitat cognitivo permette una crescita equilibrata del cavallo e della persona, salvaguardando il benessere di entrambi.

Testo: Francesco De Giorgio | Foto: Internet/Sparta

Per sviluppare maggiore conoscenza sul cavallo cognitivo e sulle caratteristiche di relazione tra cavallo e uomo, segui il tuo percorso formativo nella Riserva Zooantropologica Sparta.

SPAZIO PER ESPLORARE

La motivazione dei bambini a svilupparsi ed esplorare è qualcosa di intrinseco, non hanno bisogno di premi e rinforzi per sentirsi motivati nell’esplorazione.

Trovarsi in un’esplorazione attiva per sviluppare naturalmente sempre più conoscenza dalla loro realtà, già da una soddisfazione enorme.

Bambini che vengono in continuazione stimolati con premi, o confrontati con richieste performative, o frenati, perdono il contatto con la loro motivazione più interna ed evidenziano un calo nell’iniziativa spontanea di esplorare.

Bambini che si trovano in mezzo ad un branco di cavalli, hanno innanzitutto un grandissimo piacere nell’esplorare quell’habitat, osservarne le interazioni e le sfumature, percependo la libertà dei cavalli, modulando da soli l’avvicinamento al branco stesso.

Questo ambiente naturale ha una notevole quantità e qualità di stimoli da esplorare, che può partire dall’osservazione di un filo d’erba fino ad arrivare all’odore del cavallo, oltre a sviluppare consapevolezza propriocettiva camminando su terreni inusuali per chi abita in un contesto urbano, tutte esperienze fondamentali per un adeguato sviluppo delle capacita cognitive, oltre che della propria identità.

Autore testo: José Schoorl | foto: José Schoorl

Per un’esperienza di relazione ed esplorazione speciale ci sono gli incontri in famiglia tra i cavalli nella Riserva Zooantropologica Sparta.

Siti Collegati | Francesco De Giorgio | José Schoorl

Esistono altri due siti collegati alle due Guide di Sparta, Francesco De Giorgio e José Schoorl.

WWW.ILCAVALLOCOGNITIVO.COM è dedicato particolarmente alla cognitività del cavallo ed è gestito direttamente da Francesco De Giorgio.

WWW.EQUILIBERO.NET è dedicato particolarmente alla crescita personale mediata dal cavallo ed è gestito direttamente da José Schoorl.

Buona lettura a tutti!

Tag Cloud